Bolotana e tutta l'atletica sarda ricordano Pietro Mennea con il Mennea Day 2017
In evidenza

08 Settembre 2017
(0 Voti)
Author :  

Anche quest'anno intendiamo ricordare il più grande atleta italiano PIETRO MENNEA. lo faremo a modo nostro nel campo sportivo "PALMERIO DELITALA" di Bolotana. seguirà un incontro con ANGELO CHERCHI, grande amico di Mennea e con GIANFRANCO DOTTA attualmente uno dei più grandi allenatori internazionali.

Il 12 settembre l'Italia celebra Pietro Mennea nel 37esimo anniversario del suo primato del mondo nei 200 metri.Loc MenneaDay

19.72. Quattro cifre incise nella memoria e nel cuore, che rievocano immediatamente un uomo, un campione, un’impresa sportiva. Era il 12 settembre 1979 quando Pietro Mennea a Città del Messico riscrisse il record mondiale dei 200 metri, portandolo a 19 secondi e 72 centesimi, un limite rimasto imbattuto per ben 17 anni. Oggi, a oltre tre anni dalla scomparsa, il 12 settembre è ancora il Mennea Day.

Una giornata dedicata ai valori che la Freccia del Sud, campione olimpico a Mosca 1980, seppe incarnare dentro e fuori le piste: onestà, abnegazione, rispetto per se stesso e per gli avversari. Valori che dopo il ritiro dall’attività agonistica portarono alla nascita della Fondazione Pietro Mennea Onlus, organizzazione votata alle iniziative di solidarietà sociale a cui è destinata la simbolica quota di iscrizione di due euro. La manifestazione accoglie anche diverse raccolte fondi a favore dei territori colpiti dal sisma del 24 agosto scorso.

Tutti, al Mennea Day, possono correre i 200 metri. Ad ogni età, con ogni passo, è sufficiente recarsi in una delle tanti sedi che hanno aderito all’iniziativa con la voglia di mettersi alla prova o con il semplice desiderio di passare mezza giornata all’insegna dello sport e della condivisione.

Saranno presenti alla giornata:

Angelo Cherchi

Classe 1951, Angelo Cherchi è un artista eclettico con 40 anni di attività creativa a livello internazionale come poeta, saggista, scrittore narrativo e teatrale. Negli anni ’70 a Parigi pubblicò, insieme ad un gruppo di artisti internazionali, il Manifesto Estetico dell’Arte Polidimensionale. Ha trattato, nella sua carriera, temi di antropologia e di etnostoria. Ha avuto inoltre numerose pubblicazioni di saggi e di teorie fondate su basi filosofico/estetiche e messe al servizio delle diverse forme espressive delle arti plastiche. I suoi testi sono stati pubblicati in Francia, Inghilterra, Slovenia, Croazia, U.S.A. ecc. Ha vinto importanti premi letterari fra i quali si ricordano: Il Premio Internazionale di Etnostoria “Giovi, Città di Salerno”, il Premio Nazionale Carlo Goldoni, Il Premio mondiale The International Grand Prix Cristal Vilenica 1999 e altri.

Allievo del grande Angelo Defraia, è stato velocista con la maglia granata dell’Esperia Cagliari, conquistando il titolo di Campione Italiano Allievi nel 1968 all’Arena di Milano negli 80 piani davanti a Pietro Mennea, del quale è poi diventato intimo e fraterno amico.

Gianfranco Dotta

Classe 1949, Gianfranco Dotta si avvicinò all’Atletica come velocista presso la Società Ginnastica Amsicora di Cagliari, dove conquistò la Maglia Azzurra nelle categorie giovanili.

Maestro di Sport del Coni dal 1972, ha collaborato a stretto contatto per anni con i più importanti allenatori e ricercatori italiani tra i quali Vittori (che fu anche suo allenatore) e Bosco.

Allenatore delle squadre Nazionali Fidal dal 1982, Dotta ha ricoperto l’incarico di responsabile del settore Velocità e Staffetta della Nazionale nel 1995-96, conquistando il bronzo mondiale nel 1995 con la mitica staffetta 4x100, soprannominata “sardo per cento” per via dei tanti velocisti sardi presenti.

Numerosi i piazzamenti e le medaglie dei suoi atleti ai Giochi Olimpici, Campionati Mondiali ed Europei, Universiadi che gli hanno fatto guadagnare il titolo di Allenatore Benemerito della Federazione.

Allenatore eclettico, ha ricoperto l’incarico di preparatore atletico in numerosi sport, mietendo successi: basket maschile e femminile nelle massime serie nazionali, con la vittoria dello storico Scudetto 1991 con la Juve Caserta; pugilato, con la conquista dei Campionati Europei e Italiani; tennis, con la conquista dei Campionati Italiani individuali e di doppio.

Roberto Meloni

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

La Federazione Italiana di Atletica Leggera (FIDAL) associazione senza fini di lucro con personalità giuridica di diritto privato, fondata nel 1898, è formata da tutte le società e associazioni sportive costituite ai sensi della normativa vigente che, senza scopo di lucro praticano, in Italia l’atletica leggera, ispirandosi al principio di democrazia e di partecipazione di chiunque in condizioni d’uguaglianza e di pari opportunità. (…) La FIDAL promuove, organizza, disciplina e diffonde la pratica dell’atletica leggera in armonia con le deliberazioni e gli indirizzi del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, confederazione delle Federazioni Sportive Nazionali, (CONI), del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e della Federazione Internazionale di Atletica Leggera (IAAF). Leggi lo Statuto Federale

 

Top
Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Clicca su "More Details" per accedere all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "X" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie. More details…